Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Pubblicato da: System Off Site Categoria: News tag: Commenti: 0

Alessandro Frigerio

Alessandro Frigerio

Direttore System Off Site

Share
Share
Share
Share
Share
Share
Share
Share
Share

Relazione Sul Bullismo e Cyberbullismo System Off Site

Ambiti Progettuali Strategici

La Relazione sul Bullismo e Cyberbullismo è strettamente riservato all’impresa

Questa proposta riconosce le giovani generazioni come risorsa fondamentale ed essenziale della comunità sociale sia in virtuale con il Cyberbullismo, che in reale con il Bullismo.
Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo, ha come obiettivo quello di tutelare e valorizzare la crescita educativa dei minori, diffondere la cultura del rispetto tra pari, di genere, della dignità personale dell’individuo, di valorizzazione della diversità, di condanna di tutte le discriminazioni e della legalità, soprattutto in ambiente scolastico e nei luoghi di aggregazione giovanile, promuovendo e sostenendo azioni di educazione ai nuovi media attraverso la rilevazione, la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di bullismo in tutte le sue diverse manifestazioni, del Cyberbullismo, del Sexting e della Cyberpedofilia.

I fenomeni subiti dalle giovanissime generazioni.
Si tratta di atti di aggressione, discriminazione e violenza, rappresentati dal bullismo e in particolare da quello omofobico (fenomeno più conosciuto), dal Cyberbullismo (fenomeno molto recente) dove la capillare diffusione delle nuove tecnologie, nonché l’uso e l’abuso delle stesse, ha aggravato la situazione permettendo all’aggressore di agire nell’anonimato e diffondere le offese attraverso un pubblico illimitato.
La diffusione domestica di Internet, oltre a quella capillare dei sistemi informatici, associata a quel cambiamento generazionale che vede le giovanissime generazioni più avvezze all’uso delle nuove tecnologie, più informate e precoci rispetto alla sfera della sessualità, l’importanza del ruolo delle condotte genitoriali nella tutela della privacy e dell’intimità, rappresentano un terreno fertile che mette a rischio la sicurezza dei minori di fronte al fenomeno del Sexting e ancor più della Cyberpedofilia.

Finalità coerenti
Prevenire il fenomeno del bullismo mediante percorsi educativi finalizzati al miglioramento della stima di sé e degli altri e allo sviluppo di un comportamento responsabile, cosciente e consapevole nel contesto scolastico.
Sviluppare negli studenti capacità critiche sulle dinamiche di gruppo e sulla diffusione del senso di appartenenza ad una comunità.
Favorire in loro lo sviluppo di una conoscenza civile e democratica, apertura verso la realtà territoriale e internazionale.

Obiettivi
Obiettivi trasversali:
Saper impostare una convivenza civile e rispettosa delle diversità
Saper impostare colloqui, interviste, relazioni relative alle tematiche affrontate
Saper elaborare le conoscenze acquisite nell’ottica della realizzazione di un prodotto finale da diffondere

Obiettivi specifici:
Conoscere se stesso
Conoscere e accettare l’altro
Conoscere la differenza tra gioco, teppismo e Bullismo
Conoscere le conseguenze civili e penali del Bullismo

Appare necessario spiegare il significato dei termini Bullismo, Cyberbullismo, Sexting e Cyberpedofila, oltre che inquadrare la problematica sotto l’aspetto dei riferimenti normativi nazionali e internazionali:
• Per bullismo si intende l’aggressione e la molestia ripetuta nel tempo dove un soggetto, o un gruppo, prevarica la vittima attraverso comportamenti fisici o attacchi verbali e vessatori atti a provocare ansia, timore, isolamento e condizionare la sua vita privata e sociale.
Diversi sono i soggetti coinvolti: il “bullo” che assume una posizione dominante, la “vittima” quale soggetto debole che non è in grado di difendersi da solo, i “sostenitori” che incitano il bullo e gli “astanti” che rimangono in una posizione di neutralità;

• Per bullismo omofobico si intende una particolare forma bullismo che consiste in azioni di discriminazione caratterizzate da intenzionalità, sistematicità e relazionalità, finalizzate a emarginare, deridere o denigrare un ragazzo o una ragazza in quanto omosessuale, presunto o presunta tale o che non aderisce agli stereotipi sessuali normativi;

• Per Cyberbullismo si intende “qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonché la diffusione di contenuti online aventi ad oggetto anche uno o più componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso o la messa in ridicolo” (articolo 1, comma 2, legge 71/2017);

• Per sexting si intende lo scambio e/o la condivisione di testi, video o immagini sessualmente esplicite via cellulare o internet;

• Per cyberpedofila si intende non solo il comportamento di adulti pedofili che, per soddisfare la propria sessualità deviante, utilizzano la rete per incontrare altri pedofili, per rintracciare o scambiare materiale fotografico/video a contenuto pedopornografico, ma anche di adulti che la utilizzano per ottenere contatti o incontri con bambini/bambine e adolescenti (grooming).

Questa relazione di System Off Site si basa in particolare sull’articolo 21 della carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea del 2000, sulla direttiva ministeriale n. 16 del 5 febbraio 2007 (Linee d’indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per la prevenzione e la lotta al bullismo), sul d.p.r. 249/1998 e il d.p.r. 235/2007, sullo Statuto delle studentesse e degli studenti e relative modifiche, sulla legge 71/2017 e sulle finalità della legge regionale 7 agosto 2017, n. 27 (Norme per la prevenzione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile).
La scelta di tali riferimenti normativi evidenzia l’importanza che System Off Site attribuisce all’approccio educativo nell’affrontare le problematiche dei fenomeni oggetto di questa proposta di legge, alla centralità della scuola come luogo principe di promozione delle relazioni interpersonali e della crescita individuale, nonché all’esperienza scolastica come opportunità educativa, culturale e sociale.
Ed è proprio in coerenza con la già citata legge 71/ 2017 che l’associazione System Off Site, recependo l’approccio educativo quale modalità per affrontare il fenomeno del cyberbullismo proponendo soluzioni con la Cybersecurity nella lotta al Cyberbullismo stesso ed estendendolo ai fenomeni del bullismo, del sexting e della Cyberpedofila, si pone come soggetto attivo e propositivo sostenendo e ampliando, attraverso questa relazione, il raggio di azione della normativa nazionale stessa.
A tal fine si evidenzia che, se la scuola, istituzione è un attore fondamentale della vita delle giovani generazioni, determinanti sono anche gli altri contesti di vita dei bambini e delle bambine, degli adolescenti e preadolescenti a partire dalla famiglia che deve essere aiutata a prendere maggiore consapevolezza e responsabilità dei fenomeni del bullismo, del cyberbullismo, del Sexting e della Cyberpedofilia, a riconoscerli nei segnali, nei comportamenti e nei silenzi che affliggono le vittime, a distinguerli da altre forme di disagio, oltre ad assumere le giuste condotte genitoriali alla luce delle insidie della Rete.
Centrali in questa proposta di legge sono il concetto dell’ “alleanza multidisciplinare” e della “rete educativa, culturale e sociale” di contrasto ai comportamenti prevaricatori e violenti, fisici e psicologici che, attraverso il sostegno e la collaborazione attiva della comunità scolastica, la partecipazione e il coinvolgimento della famiglia e delle istituzioni, rappresentano lo strumento fondamentale per avvicinare e capire i mondi in cui vivono le ragazze e i ragazzi di oggi, i contesti e le condizioni culturali e sociali in cui costruiscono le proprie identità, nella consapevolezza che vivere nell’era digitale significa confrontarsi, oltre che con i vantaggi della modernità, anche con tante, nuove e sconosciute insidie.
System Off Site vuole far luce su fenomeni come in Bullismo e il Cyberbulismo non sono solo problemi reali, dove viviamo ogni giorno il problema, ma che tramite la tecnologia si diffonde più rapidamente di quanto non si possa immaginare.
Ogni italiano medio possiede un cellulare e un computer, deve connesso in rete (chatta, si inscrive nei Social Network, comunica attraverso i social stati d’animo e umori della giornata e molto altro), basti pensare che se ogni italiano viene preso di “mira” su un commento, una foto pubblicata e “bersagliata” e molto altro cosa potrebbe succede ad ogni persona.
System Off Site propone soluzioni alternative con la Cybersecurity nella lotta al Cyberbullismo online, dove con apparati e controlli si possono prevenire tali vittime di violenze, ingiurie, e come spesso succede suicidi
Fattori di rischio
  1. Esempio o assenza degli adulti
  2. Mancanza di etica morale o di empatia
  3. Noia
  4. Assenza di strategie e/o soluzioni alternative
  5. Modelli di riferimento violenti nell’ambiente circostante
«Fascino» della violenza
  1. Possibilità di esprimere i propri impulsi (sensazione di libero sfogo) che coinvolge sia spettatori che attori
  2. Il cinema offre molti esempi
  3. I videogames permettono anch’essi di scaricare la tensione aggressiva
System Off Site chiudendo la relazione propone eventi e presentazioni, in relazione alla tematica di innovazione con la Cybersecurity e Cybercrime nella lotta contro il Cyberbullismo e Bullismo
Share
Share
Share
Share
Share
Share
Share
Share
Share